L’Assenzio (Artemisia absinthium)


AVVERTENZE.

Nell’uso dell’Assenzio bisogna avere una grande cautela in quanto un abuso provoca delle gravi intossicazioni tanto che il liquore di Assenzio in molti paesi europei è vietato venderlo. Nelle donne in allattamento rende amaro il latte. 

Immagine

CARATTERISTICHE GENERALI.

L’Assenzio, nome scientifico Artemisia absinthium L. appartiene alla famiglia delle Asteraceae (Compositae).

E una pianta conosciuta fin dai tempi più antichi per le sue proprietà terapeutiche.

L’Assenzio è una pianta erbacea perenne a fusto eretto, di colore verde-argentato con scanalature evidenti ed alta fino ad un metro. Le foglie sono grandi, profondamente incise e grigio-verdastre nella pagina superiore e bianche in quella inferiore. I fiori sono piccoli, gialli riuniti in capolini. Fiorisce da luglio a settembre. Il frutto è un achenio.

PROPRIETA.’

L’Assenzio contiene olio essenziale, absintina, resine, tannino, acidi, nitrati.

Le sue proprietà sono: toniche, stimolante, vermifughe, antielmintiche, antipiretiche, emmenagoghe.

 PARTI UTILIZZATE DELLA PIANTA.

Dell’Assenzio si utilizzano le sommità fiorali e le foglie fatte essiccare in un luogo ombroso e ventilato.

COME SI UTILIZZA.

L’Assenzio si utilizza come decotto e l’infuso per stimolare l’appetito, aiutare nella digestione ed in caso di febbre. L’Assenzio è anche molto efficace nel caso di mestruazioni dolorose.

I cataplasmi o i clisteri di Assenzio ed Aglio sono ottimi per combattere i vermi intestinali.

Per uso esterno le compresse sono ottime per le ferite.

In cucina viene utilizzato per condire diverse pietanze e come aromatizzante dei liquori. Ha un gusto molto amaro. 

 

Pubblicato da orto botanico friulano

Questo blog, non rappresenta una testata giornalistica, o un mezzo di informazione scientifica. In quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 2001.

2 pensieri riguardo “L’Assenzio (Artemisia absinthium)

  1. dimenticavo, puo essere anche utilizzato come antipulci per i cani e come deterrente per le cociniglie in giardino.
    volevo poi ricordare che il famoso liquore Assenzio è composto solo per 1/3 dalle parti della pianta, gli altri 2/3 sono composti da finocchio e anice.
    Proibito nel 1915 in quanto conteneva l’essenza della pianta, un veleno che provoca convulsioni e che portava a malattie allucinatorie e a pazzia. Tuttavia i preparati industriali sono ottenuti tramite un processo particolare che ne consente un consumo sicuro. Liquori che ad oggi ne contengono la pianta, oltre al suddetto Assenzio, troviamo anche il vermouth.

    Scriveva Oscar Wilde:
    l’Assenzio, come una poesia, favorisce l’amore.

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: